Single e animali domestici che accoppiata!

Single e animali domestici che accoppiata!

Nella mente di una persona single che vive da sola, è quasi impossibile che non sia mai balenato il pensiero di prendere con sé un animale domestico (tralasciando ovviamente coloro che non ne sono amanti).

“Ma non sarà troppo impegnativo?”

È la tipica domanda che viene di solito rivolta a chi decide di prendere con sé un cane o un gatto, come a volerli mettere in guardia per farli desistere. Anche se indubbiamente si tratta di una scelta che deve essere presa con molta serietà e responsabilità, sarebbe sempre meglio valutare con chi si sta parlando. Una persona inesperta che non ha mai provato a prendersi cura di un animale potrebbe, infatti, trovarsi spiazzata di fronte a un quesito del genere e, assalita da dubbi e pensieri, decidere di desistere. Un qualsiasi padrone di un cane o di un gatto, invece, a tale domanda risponderebbe senza pensarci due volte “il gioco vale la candela”. È innegabile, la gestione di un animale, soprattutto di un cane e si un gatto, richiede grande impegno, sia fisico sia economico, e tanta voglia; come, però, è altrettanto innegabile l’incondizionato amore e la profonda fedeltà che un animale dimostra in ogni momento al proprio padrone. Tutto ciò fa sì che gli sforzi nell’accudirlo siano sempre spesi volontariamente, nella gioia di fare del bene al proprio animale e di vederlo felice, venendo da lui “ricambiati” in un modo che più vero non si può.

Gli animali possono aiutare anche dopo una separazione

Il distacco da una persona amata, il suo allontanamento, il fatto di venire lasciati sono tutte situazioni che fanno soffrire, che spesso fanno sentire inadeguati e sbagliati, oltreché soli. Prendersi cura di un animale domestico può essere salvifico in questi casi: avere qualcun altro a cui pensare oltre che a noi stessi, non solo aiuta a distogliere la mente da pensieri negativi, ma anche ad andare oltre un rapporto ormai finito imparando nuovamente ad amare se stessi e a ricevere amore dagli altri.

Animali domestici sì, egoismo no

Nonostante quello detto finora, un animale non è un giocattolo né tantomeno un qualcosa da esibire: si tratta di un essere vivente e, in quanto tale, va rispettato e trattato con estrema cura. La decisione di prenderlo, anche se basata almeno inizialmente su un desiderio personale, deve poi essere maturata valutando i pro e i contro ed essendo sicuri al 100% della propria scelta. Una persona single, soprattutto, deve avere sia voglia sia tempo di accudirlo, a maggior ragione se si tratta di un cane che ha bisogno di uscire almeno 2/3 volte al giorno.

In conclusione…

La maggior parte delle volte, prendendo un animale domestico, in particolare se in adozione, pensiamo di star facendo una buona azione, di salvargli o almeno migliorargli la vita; dopo breve tempo, però, ci iniziamo ad accorgere proprio del contrario, che è lui a far del bene a noi, rendendoci conto di non poter più fare a meno l’uno dell’altro.

Consiglio single: se siete nella condizione, un pensierino fatecelo, eccome!